Innominata – Monte Bianco

Innominata – Monte Bianco

Una cresta del Monte Bianco che mai avrei immaginato di fare fino a qualche anno fa.

Una cresta più di resistenza che di difficoltà per un giro di oltre 33 km (così segnava il gps a fine giornata).

Resistenza, dopo l’infortunio alla caviglia di marzo proprio questo aspetto mi preoccupava anche se i feedback positivi non erano mancati: in primavera avevo infatti affrontato la Nord del Gran Paradiso in giornata dal parcheggio con gli amici Marco Bozzolo e Baga (Manuel Bagarolo) senza troppe difficoltà.

Ed è proprio quest’ultimo a propormi di affrontare il “tetto” d’Europa l’8 luglio scorso lungo questa famosa e poco frequentata salita.

Partiamo dalla Val Veny super tranquilli e in due orette, lunga una ferrata facile raggiungiamo il Rifugio Monzino, punto di ripartenza ideale per comodità e minor rischio.

Ore 23:50 suona la sveglia e facciamo colazione, o possiamo chiamarlo spuntino di mezzanotte?

Oggi Baga ha le mani di burro, in poche ore ha perso un bastone e un friend che fortunatamente siamo riusciti a recuperare: la cima sembra non arrivare mai. Inizia la parte dove occorre prestare la massima attenzione, la cresta finale del Bruillard.

Ore 12:00 arriviamo finalmente in vetta, sono stanco ma emozionato: la prima volta per me in cima al Monte Bianco 4.810 metri!

Giornata perfetta, non una nuvola e non filo di vento, siamo soli. Silenzio.

Inizia il lungo rientro con l’infinita discesa sali-scendi per i Trois Monts, tutta la Vallée Blanche per arrivare al Col des Flambeaux con i suoi cento metri di dislivello che sembrano un milione!

Ore 15:00  siamo al Rifugio Torino: birra (per me raddler meno alcool) e una bella fetta di torta per un’esperienza magnifica vissuta con un grande socio più esperto di me che ringrazio tanto.

Shanty

Shanty Cipolli

No Comments

Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Secured By miniOrange